L’impatto del Covid-19 sull’industria delle rimesse

Tabella dei contenuti

Conseguenze del Covid-19 sull’industria delle rimesse

Le implicazioni a breve termine stanno già diventando evidenti nel settore delle rimesse. Il volume delle rimesse sta diminuendo in tutto il mondo durante questa crisi del coronavirus. La logica conseguenza della situazione causata dal COVID-19 è che il reddito che gli immigrati percepiscono rischia di essere ridotto a causa della chiusura temporanea o totale delle imprese, in particolare quelle con una forte presenza di immigrati come il servizio, settori industriali o dei trasporti. L’inoperatività di queste società ridurrebbe le opportunità di reddito per gli immigrati e, di conseguenza, il volume dei trasferimenti e degli importi inviati sarebbe ridotto. A questo proposito, Manuel Orozco, Direttore del Programma di Migrazione, Rimesse e Sviluppo del Dialogo Interamericano, stima -in un confronto con la recessione del 2009- che il 35% dei migranti invierà fino al 5% in meno rispetto a prima della pandemia globale.

Un’altra delle implicazioni a breve termine sono gli agenti di rimessa su cui il consulente e docente Hugo Cuevas-Mohr riflette anche nella sua ultima pubblicazione. Fino a pochi mesi fa, più dell’80% delle rimesse era gestito al dettaglio, in contanti. Attualmente, ci sono diversi scenari relativi agli agenti: da un lato, ci sono agenti che, per loro decisione, hanno deciso di chiudere temporaneamente. D’altro canto, alcuni paesi hanno optato per la chiusura obbligatoria di tali agenzie. E infine, va notato che ci sono paesi come la Spagna dove, nonostante il fatto che la legge consente l’apertura di queste imprese perché sono considerati servizi essenziali, le autorità hanno ordinato di chiudere comunque.

Infine, ci sono le società di rimessa (MTO). Nel bel mezzo di questa crisi, gli MTO hanno dovuto adattarsi rapidamente per continuare a garantire gli stessi standard di qualità nei loro servizi. Ma, soprattutto, le aziende di rimessa stanno ancora lottando per rendere più facile ai loro clienti la conversione ai servizi digitali e per dare loro tutte le informazioni di cui hanno bisogno in questo periodo di incertezza. In quanto società, anche loro possono vedere la loro capacità compromessa in misura maggiore o minore.

 

Una spinta digitale?

Secondo Leon Isaacs, CEO di Developing Markets Associates Global e esperto nel settore delle rimesse, la situazione causata da COVID-19 potrebbe essere un punto di svolta necessario per la transizione dal retail al digitale nel mondo delle rimesse. Questa è la principale implicazione a lungo termine prevista dalla crisi del coronavirus: una spinta digitale. Tuttavia, è ancora presto per confermarlo.

Fino ad ora, sebbene la maggior parte degli MTO offra servizi online, in molti casi il consumatore ha preferito inviare denaro attraverso le agenzie. Tuttavia, oggi, molti immigrati non saranno in grado di visitare fisicamente le agenzie di rimessa, sia per inviare o ricevere denaro. Così, il modo digitale diventa la migliore alternativa. Gli operatori di trasferimento di denaro stanno mettendo il cliente al centro e concentrando i loro sforzi per mostrare al consumatore i benefici dei trasferimenti online o App, spesso a prezzi più competitivi. Molti paesi riceventi hanno anche servizi di portafoglio mobile. D’altra parte, in Europa stiamo cominciando a notare una riluttanza ad accettare denaro contante nei negozi per paura del contatto umano e, di conseguenza, del virus. Si tratta di un ulteriore incentivo per l’utilizzo dei pagamenti digitali.

Pertanto, data la mancanza di alternative, gli immigrati troverebbero il servizio online la soluzione per continuare a inviare denaro alle loro famiglie. In questo senso, Leon Isaacs aggiunge:

[mkd_blockquote text=”Una volta che cambiano, è improbabile che torneranno ai loro servizi tradizionali basati sul contante, soprattutto ora che i benefici sociali di andare a un’agenzia non sono disponibili.” title_tag=”h2″ width=””]

C’è un lato positivo di questo nuovo paradigma? Sì, le aziende si stanno avvicinando ai loro clienti e si adattano più che mai alle loro esigenze. Le società di rimessa non solo spiegano i benefici dell’online, ma forniscono anche supporto e spiegano in dettaglio come funziona, rendendolo accessibile al maggior numero possibile di persone, prendendosi cura del maggior numero di immigrati. È una sfida, ma anche un’opportunità che gli MTO non dovrebbero perdere. Prendere le giuste decisioni e migliorare l’accessibilità dei servizi finanziari online sarà, a lungo termine, vantaggioso per la crescita del settore e per l’inclusione finanziaria di milioni di immigrati in tutto il mondo.

 


In Moneytrans vogliamo renderla facile per voi, molto facile! Ecco perché stiamo lavorando all’imminente lancio del Conto Smile; il conto senza una banca! Con il nostro Account Smile sarete in grado di effettuare pagamenti nazionali, prelevare contanti, inviare trasferimenti internazionali a più di 140 paesi, seguirli, così come addebito diretto i vostri depositi e ricevute, e tutto questo senza complicazioni!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Articoli correlati